PILASTRO STENGHEL + RACCORDO D’ATTACCO (PLACCHE DELLE LUMACHE)

Piccole Dolomiti, Cornetto versante S/O

 

DIFFICOLTA’: Dal III AL V con brevi passi di V+ (A0)

SVILUPPO TOTALE ARRAMPICATA: 170 m + 20m di raccordo

MATERIALE: N.D.A. + qualche friend medio

PROTEZIONI: numerose clessidre attrezzate, chiodi, dadi incastrati e protezioni naturali

ROCCIA: da buona ad ottima

RELAZIONE SCARICABILE IN FORMATO PDF: PILASTRO STENGHEL E PLACCHE LUMACHE (.pdf)


NOTE:

Divertente concatenamento alpinistico che unisce due brevi ma interessanti itinerari, caratterizzato da un comodissimo accesso e da una veloce discesa. La salita si svolge principalmente lungo belle placconate di roccia spesso ottima, in un incantevole teatro di prati e guglie immerso nel cuore delle Piccole Dolomiti: dalla cima del pilastro si gode di una bellissima vista panoramica sul gruppo del Fumante e sul massiccio del Carega.

Al termine della salita, data la favorevole posizione, è consigliabile proseguire l’ arrampicata concatenando altri vicini itinerari come la via “Stefani-Bertolotti” alla torre Luca Franceschini (1 calata), la  “Via della Placca Nera” (5/10 minuti), la “Via degli Ometti” (10/15 minuti), lo “Spigolo Soldà” o il “Super Spigolo” (15/20 minuti) al Monte Cornetto.

Il nuovo toponimo del breve ma elegante pilastro è dedicato all’alpinista Giuliano Stenghel, caduto il 14 agosto 2020 sulla Tavolara.

Data la comodità d’accesso, di discesa e la favorevole esposizione è possibile percorrere l’itinerario tutto l’anno.


ACCESSO:

Dall’Alpe di Campogrosso seguire il comodo sentiero E5 verso la “Forcelletta N/O” e “Passo degli Onari”, dapprima attraverso un bosco di faggi e poi per prati in prossimità della Malga Bovental. Attraversare i prati caratterizzati da grossi massi erranti e continuare lungo il sentiero entrando nel bosco fino a quando è disturbato da una grande radice; pochi metri oltre, sulla sinistra, si trova un faggio con due segnavia CAI molto vicini. Qui, sulla destra, si stacca la traccia che conduce alla base della torre Luca Franceschini (ometto). Una decina di  metri dopo, alla base di un’evidentissima placca che parte praticamente dal sentiero, si trova l’attacco (cordini su clessidre ben visibili). Malga Bovental è raggiungibile anche dal passo Pian delle Fugazze, nel medesimo tempo, seguendo la strada delle 7 Fontane (consigliato parcheggiare nei pressi del ristoro Mangia & Bevi”). 30/40 min

DISCESA:

OPZIONE 1: Dalla cima abbassarsi pochi metri e seguire la traccia tra i pini mughi (ometti) che dopo pochi minuti si collega al sentiero n.176. Seguendolo verso sinistra (viso a monte) si ritorna velocemente a malga Bovental (15/20 min) passando per la selletta N/O. Seguito verso destra invece conduce al Passo degli Onari.

OPZIONE 2: Dalla cima con 1 calata da 40m si arriva direttamente alla base della Torre Luca Franceschini , dalla quale una traccia riporta velocemente sul sentiero n.170 e quindi all’attacco.


PROVA UNA VIA DI ROCCIA CON GUIDA ALPINA, scrivi una e-mail a: piccoledolomitisport@gmail.com


Qualche foto della via: